Collante per unghie: come usarlo e come scegliere il migliore

Il collante per unghie è uno di quei cosmetici a cui le donne non sanno proprio rinunciare. Perché? Beh, perché le mani spesso hanno quasi la funzione di un biglietto da visita: ci si presenta stringendo le mani, si lavora con le mani, si accarezzano gli altri utilizzando le mani e così via. Purtroppo però le unghie che le donne amano spesso tenere lunghe e ben curate sono fragili: basta un niente perché si spezzino o perché perdano la forma tanto difficilmente ottenuta a furia di lavorare di lima.

Poi c’è anche chi è spesso preda di stati ansiosi e non riesce proprio a smettere di rosicchiare le unghie delle mani. Puntualmente però, magari in occasione di un evento importante o di un appuntamento con il partner, rimpiange di non aver ancora perso questa brutta (ed insalubre) abitudine. In tutti questi casi c’è un unico prodotto che può rimettere in piedi la situazione in maniera rapida e veloce: il collante per unghie. Ecco allora tutto quello che bisognerebbe sapere a proposito di questo prezioso cosmetico.

Collante per unghie: di cosa si tratta?

Anche se non sei esattamente un’esperta di trucco e parrucco, avrai sicuramente intuito che il collante per unghie è essenzialmente un adesivo cosmetico. La sua funzione è quella di creare un velo appiccicoso, per così dire, sulle unghie naturali in modo da consentirti l’applicazione di unghie finte. In questa maniera una mano poco curata, con unghie rovinate, rotte o deformi oppure ancora su cui non si riesce a stendere bene lo smalto, può sempre apparire piacevole alla vista ed in ottima salute.

In alternativa il collante per unghie può tornare utile anche quando, in sede di ricostruzione, si procede incollando le tips. Ma non è ancora tutto. Grazie a questo particolare cosmetico, soprattutto se sei una patita della nail art, potrai decorare le tue unghie con brillantini, glitter, adesivi e fregi di ogni ordine e grado.

Inutile dire poi che il collante in questione è parecchio resistente ma che può essere rimosso dalla zona interessata con discreta facilità: si tratta infatti di un prodotto non permanente. Inoltre il cosmetico qui in esame ha sempre consistenza liquida e colorazione trasparente. Ciò allo scopo di facilitarne l’applicazione e di evitare che l’adesivo possa essere individuato a colpo d’occhio da chi osserva le tue mani.

Ah, una piccola precisazione: il collante per unghie è un prodotto ad uso e consumo cosmetico. La sua formulazione è stata pensata quindi per poter interagire con i tessuti umani. Lo stesso non si può dire delle normali colle reperibili in commercio. Che non ti venga l’idea insomma di sostituire un prodotto specifico con un articolo da cancelleria, neanche per gioco.

Uno scherzetto del genere potrebbe compromettere seriamente la salute delle tue unghie. Inoltre le colle normali, tossiche per definizione, possono in parte essere assorbite dalla cute mettendo in circolo nell’organismo sostanze non esattamente salutari. E poi c’è anche la possibilità che il collante non cosmetico utilizzato abbia una presa tanto forte da non poter essere rimosso dalle unghie se non impiegando metodi dolorosi e fastidiosi o soluzioni a dir poco drastiche. Insomma: perché rischiare?

Come scegliere il collante per unghie

Scegliere il collante per unghie che faccia al caso tuo potrebbe sembrarti un’impresa, soprattutto se è la prima volta che compri un prodotto del genere. Tanta difficoltà è legata al fatto che in commercio esistono ormai tantissime soluzioni, così tante che a volte anche gli esperti del settore hanno bisogno di una pausa di riflessione per poter concludere un acquisto sensato.

Noi vorremmo aiutarti ad individuare il cosmetico perfetto, quello che possa soddisfare pienamente tutte le tue necessità. Allo scopo, nel corso delle prossime righe, troverai un elenco di caratteristiche da ricercare nel tuo collante per unghie. Attieniti a questo breve elenco ed acquistare il prodotto ideale diventerà un gioco da ragazzi, pardon, da ragazze.

Il sistema di applicazione

Sono diversi i formati di collante per unghie attualmente reperibili in commercio. Da questa caratteristica, apparentemente poco importante, deriva una seconda peculiarità a cui sarebbe bene prestare parecchia attenzione. A seconda del tipo di formato scelto ti ritroverai infatti a stendere la colla sulle unghie avvalendoti di un pennellino o di un beccuccio. In entrambi i casi l’applicazione risulterà tutto sommato abbastanza semplice, a prova insomma di neofita.

In linea di massima perciò possiamo dirti che le due soluzioni sono egualmente valide e che scegliere tra l’una e l’altra opzione diventa più che altro un fatto personale. Tuttavia, possiamo dirti anche che in genere chi ha una manualità ridotta o chi non è poi così pratica nell’uso di questa tipologia di cosmetico, predilige statisticamente i beccucci. Ciò perché tale soluzione appare un pelino più semplice da utilizzare, soprattutto in fase di dosaggio. Inoltre tale opzione riduce sensibilmente la probabilità che la colla finisca per gocciolare e sbavare al di fuori del letto ungueale. Scegli quindi la soluzione che ti fa sentire un po’ più sicura.

La capacità del flacone

Un’altra caratteristica del prodotto da tenere sempre sottocchio è la capacità del flaconcino, del tubetto o di qualunque altro contenitore all’interno del quale è stipato il collante per unghie. In commercio esistono soluzioni in tal senso abbastanza diverse: pensa solo che si oscilla da boccette mignon contenenti appena 3 ml di colla a formati da ben 28 ml di prodotto!

Il consiglio che ti diamo è di orientarti su una capacità rilevante soltanto nel caso in cui il collante per unghie dovesse servirti per un uso professionale o se, una volta acquistato, ad adoperarlo sarai tu ma anche le tue sorelle, tua madre, la tua migliore amica e così via. Se invece il cosmetico dovesse servire soltanto a te opta per capacità più contenute.

In termini di costi questa scelta sarà quasi sicuramente meno vantaggiosa, tuttavia i grandi formati alla lunga rischiano di seccarsi o di rovinarsi. In poche parole butteresti i soldi e rischieresti di sfoggiare una pessima manicure o, peggio ancora, di subire dei danni. I piccoli formati poi possono anche essere portati nelle borse più compatte: non si sa mai dovessi trovarti nella necessità di effettuare una riparazione al volo…

I tempi di asciugatura

Una cosa che non dovrai mai dimenticare di tenere in considerazione sono i tempi di asciugatura del collante per unghie. Insomma: a nessuno piace stare fermi aspettando che la colla si assorba mentre si hanno milioni e milioni di cose da fare! Molte donne prediligono proprio per questo motivo dei prodotti a presa rapida. Grazie a queste formulazioni in appena un paio di secondi dal momento dell’applicazione tutto sarà ben asciutto e le mani saranno pronte per fare la loro comparsa in pubblico.

Ti consigliamo di optare per questa soluzione comunque soltanto se vai sempre di fretta e se hai una certa dimestichezza con le colle cosmetiche. Diversamente, almeno agli inizi, orientati su un collante che abbia un tempo di asciugatura un pelino più lungo. Soltanto così sarai certa di poter rimediare sempre ad ogni possibile errore di posizionamento delle unghie finte, dei brillantini, delle tips e quant’altro.

Il colore

Come abbiamo detto all’inizio, in linea generale il collante per unghie dovrebbe avere una colorazione pressoché trasparente. Ciò lo renderà invisibile sotto lo smalto o comunque sulle unghie in generale. Su questo punto devi essere sempre irremovibile: mai cedere alle lusinghe di commesse e rivenditori che vogliano appiopparti qualcosa di colorato o di vistoso.

La tenuta

Un’altra cosa che abbiamo detto già all’inizio di questa breve guida è che in linea generale il collante per unghie è un adesivo cosmetico con buona tenuta. All’atto pratico questo significa che la tua manicure dovrà resistere senza sconvolgimenti di sorta per almeno tre giorni dal momento in cui vede la luce per la prima volta. I prodotti migliori sono addirittura pensati per garantirti una durata di una settimana o, udite udite, di una decina di giorni se non di più. Stai molto attenta a questo aspetto del problema e diffida dei cosmetici eccessivamente economici: la loro tenuta si aggira infatti su poche ore, un giorno se sei particolarmente fortunata. Insomma: tanta fatica praticamente per niente…

Attenzione inoltre ad un piccolo particolare: le tenuta di un collante per unghie è qualcosa di cui bisogna sempre tener conto, lo abbiamo appena visto. Tuttavia i dati riportati sui flaconi o le informazioni inerenti al prodotto reperite da amiche, colleghe, parenti ed addette ai lavori a volte potrebbero apparirti del tutto infondate. Insomma: potrebbe capitare che lo stesso identico articolo sulle mani di una tua amica duri una settimana, sulle tue appena tre giorni. Perché?

Beh, in questo caso la fortuna non c’entra un granché. Molto dipende infatti da quello che tu e la tua amica fate durante la giornata. Se insomma tu lavi i piatti alla vecchia maniera e lei usa la lavastoviglie, tu ti dedichi al giardinaggio e lei alla lettura, tu sollevi pesi di una certa entità e lei al massimo sposta il libro di cui sopra dallo scaffale al divano, le sollecitazioni che deve sopportare l’unghia, e quindi il collante, sono decisamente diverse. Da qui la resa differente  del prodotto.

La formulazione

Siamo d’accordo: il collante per unghie è un intruglio chimico. Tuttavia dovresti prestare una certa attenzione alla qualità di questo intruglio chimico. In particolare dovresti accertarti che tra le varie sostanze che lo compongono ne siano presenti alcune utili a proteggere l’unghia. Inoltre dovrai sempre essere sicura che la formulazione sia relativamente delicata e pensata solo e soltanto per usi cosmetici.

Il brand

Esistono vari marchi specializzati nella produzione di collante per unghie e di cosmetici in genere: questo lo sai già. Molto spesso accade che, almeno all’apparenza, un prodotto brandizzato sia meno conveniente da acquistare. I formati insomma sono un po’ più piccoli del dovuto ed i prezzi più alti rispetto a quelli di altri articoli similari. Tuttavia in questo caso vale il principio della qualità che si paga.

Ricordati sempre infatti che un cosmetico è perlopiù un prodotto chimico. Ora: per avere qualche certezza in più sulla bontà degli ingredienti utilizzati, sull’efficacia dell’articolo e sulla resa finale dello stesso bisogna orientarsi su un oggetto di marca, oggetto sempre testato e sempre realizzato attenendosi a precise normative.

Nel caso del make-up inoltre gli articoli brandizzati non causano allergie da contatto, irritazioni o danni alla cute, almeno nella stragrande maggioranza dei casi. Il nostro consiglio è quindi quello di orientarti a priori su un collante dal marchio blasonato: sarà sicuramente meno probabile incappare in fastidi e problemi di sorta.

Prezzi

Il costo del collante per unghie può essere rintracciato in un range di prezzi tutto sommato abbastanza contenuto. Nel determinare il valore del prodotto, ovviamente, intervengono fattori quali la marca del cosmetico, la capacità della boccetta e la generica qualità dell’articolo. Un collante per unghie di fascia bassa avrà così un prezzo pari a circa un paio di euro o poco più.

Un prodotto di buona qualità invece potrebbe richiedere l’esborso di una decina o addirittura di una quindicina di euro. Il risultato finale però sarà decisamente superiore e, dato che non si tratta di cifre buone a mandare qualcuno sul lastrico, ti consigliamo vivamente di orientarti a priori su un articolo di qualità superiore.

Consigli pratici: come utilizzare il collante per unghie

Se non sei un’addetta ai lavori, probabilmente hai qualche dubbio circa il corretto modo di utilizzare il collante per unghie. Ammesso anche che tu l’abbia visto fare mille volte alla tua estetista faresti bene comunque a ripassare la procedura. Dove? Beh, proprio qui, in questo paragrafetto: la nostra è un’assistenza a tutto tondo!

Ma bando alle ciance: sappi che la prima cosa che dovrai fare sarà accertarti che le tue mani, e soprattutto le tue unghie, siano perfettamente pulite. Inoltre non dovrai avere su questa parte del corpo alcun residuo di precedenti trattamenti estetici. Nel dubbio, pulisci mani ed unghia con acqua e sapone e quindi con un po’ di acetone. Procedi poi lavorando di spingi cuticole: attorno alle tue unghie non dovranno esserci pellicine. A parte il fatto che l’elemento estetico ne risulterebbe notevolmente compromesso, immagina cosa potrebbe succedere se la colla andasse a finire proprio su una cuticola; sarebbero dolori, in tutti i sensi…

Utilizzando una lima adatta a questo punto lavora sulla superficie ungueale in modo da renderla un po’ più ruvida di quanto non sia normalmente. In questa maniera avrai qualche garanzia in più circa la tenuta del tuo collante per unghie. A questo punto non dovrai far altro che applicare una goccia di adesivo sulla tip ed una goccia sull’unghia naturale, esercitare un minimo di pressione per circa una quarantina di secondi et voilà!

Attenzione a questo passaggio: mai esagerare con il collante per unghie! Una volta applicato infatti esso tende ad espandersi sulla superficie e quindi a gocciolare ed ad appiccicare anche ciò che non dovrebbe essere appiccicato. Per evitare complicazioni perciò leggi le istruzioni riportate sulla confezione: a volte la colla è talmente potente che potrai aver bisogno di dosi ancora più ridotte rispetto a quelle qui suggerite.

Un ultimo consiglio: tante volte una semplice descrizione verbale non basta a rendere chiara la procedura da eseguire e questo nonostante le operazioni elencate siano in fin dei conti semplicissime da portare a termine. Qualora qualcosa non ti fosse molto chiaro o qualora preferissi vedere come fare piuttosto che leggere come procedere, sappi che il web è pieno di utili tutorial. Se ne senti la necessità perciò non esitare a cercarne qualcuno.

Allungare la tenuta del collante per unghie: qualche segreto del mestiere

Come abbiamo visto un’applicazione di collante per unghie può garantire la possibilità di sfoggiare mani perfette per ore o per settimane. Importante però è anche agire in modo da non ridurre la tenuta del cosmetico, anche di questo abbiamo già parlato. Ma esiste anche un modo per aumentare l’aspettativa di vita della tua manicure? Beh, in effetti ne esiste più di uno. Innanzitutto, a tale scopo, ti consigliamo di acquistare dei set di unghie a copertura totale, ossia dei prodotti che non si limitino a coprire la punta del letto ungueale ma che invece agiscano sull’intera zona da trattare.

Un altro espediente utile è quello di comprare delle unghie finte che riproducano il più fedelmente possibile la dimensione e la curvatura di quelle naturali. Anche i prodotti più somiglianti comunque dovranno essere trattati con la lima in modo da diventare un perfetto calco del tuo letto ungueale. Inoltre tenere le unghie finte troppo lunghe riduce la loro aspettativa di vita. Tagliale allora in modo che sporgano appena dai polpastrelli: sembreranno anche più naturali di quanto non siano effettivamente.

Detto ciò, sappi anche che una volta che avrai terminato con l’applicazione e che tutto sarà andato per il verso giusto, dovrai ancora badare ad un piccolo dettaglio. Prima di alzarti dalla sedia e svolgere le tue attività quotidiane infatti dovrai rendere meno fragili le tue unghiette nuove. Come? Beh, ti basterà usare un po’ di indurente trasparente: aumenterai così la resistenza del tuo capolavoro. Ogni giorno infine guarda con attenzione le mani: alla minima scalfittura sulle unghie rimedia applicando una puntina di colla, quindi inizia le tue attività quotidiane.

Rimuovere il collante per unghie

Adesso però vediamo anche come concludere il ciclo vitale del collante per unghie, ossia come rimuoverlo. La prima cosa da fare in questi casi è limare le unghie  in modo da eliminare eventuali residui difficili da scorgere ad occhio nudo. Procederai perciò immergendo le mani in un recipiente in cui avrai provveduto preventivamente a preparare una soluzione di acqua e sapone. Attenzione: è importante che la prima sia tiepida (meglio ancora se calda) e che l’altro abbia una composizione delicata. Prosegui con l’ammollo per circa 15 minuti.

Trascorso questo lasso di tempo, ti sarà semplice eliminare, lavorando ancora di lima, ulteriori residui di colla. In  alternativa, in luogo della lima, potrai usare anche un vecchio spazzolino da denti oppure ancora un bel tampone per unghie. Fatto ciò, dedicati alle tracce più ostinate, spesso invisibili all’occhio umano. Per essere certa di rimuoverle utilizzerai un po’ di cotone intriso in un solvente cosmetico a base di acetone. Se preferisci potrai anche inumidire col prodotto un dischetto struccante, adagiarlo sulle unghie ed applicare una leggera pressione sulla parte interessata. Manterrai però la posizione per circa una decina di minuti.

Ti sembra un iter noioso? Tranquilla: a questo punto potrai quasi dire di aver finito. Non ti resta infatti che spazzolare le tue unghie con un apposito pennellino utile ad eliminare tutti i possibili residui ancora presenti sulla mano. Quindi procederai strofinando la superficie con dell’olio o della vasellina. Infine non dimenticare di utilizzare della buona crema mani-unghia per completare il trattamento.

Collante per unghie: ancora qualcosa da dire

Spesso le estetiste si sentono chiedere dalle loro clienti se l’utilizzo costante di collante per unghie può alla lunga danneggiare le unghie naturali. La risposta dipende dalle modalità di rimozione del prodotto. Agendo come qui descritto, l’uso del cosmetico non avrà chissà quali ripercussioni sulla parte che, dal canto suo, conserverà un bell’aspetto ed una struttura tutto sommato sana. Se però le unghie finte venissero tirate o staccate a forza alla lunga quelle naturali potrebbero incappare in una serie di fastidiosi problemi.

Un altro elemento in tal senso importante è la durata dell’applicazione. Sintantoché le tue unghie finte restino ben salde al loro posto per 10/15 giorni non ci sarà niente da eccepire. Tuttavia, trascorso questo periodo, dovrai cedere alla necessità di sfoggiare per qualche tempo una manicure naturale.

Le unghie trattate infatti devono sempre prendere un po’ di respiro tra un’applicazione e l’altra, diversamente rischierebbero di indebolirsi e spezzarsi con molta facilità. Una volta giunta a questo punto dovresti sottoporti a lunghe e noiose cure ed ammesso anche di riuscire a recuperare la situazione molto probabilmente dovresti rinunciare per sempre ad utilizzare le unghie finte. Meglio allora prevenire piuttosto che curare…

 

Clicca per votare questo articolo!
[ Totale voti: 0 Media: 0]