Pentola per marmellata

Una buona pentola per marmellata potrà riportarti indietro nel tempo, a quando i supermercati ed il cibo preinscatolato non erano realtà tanto presenti nella nostra vita. Magari ti farà pensare alla tua infanzia, ai tuoi nonni che preparavano le conserve ed alle merende di una volta.

Già, le merende di una volta: e chi ha più ritrovato quei sapori? E poi c’è da dire che avere in casa una simile stoviglia significa essere un po’ più sicuri sul fronte della genuinità degli alimenti. Bada: non è una cosa da poco conto!

Tra l’altro quella che semplicisticamente chiami “pentola per marmellata” in realtà è una pentola di una versatilità estrema. Grazie ad essa potrai preparare a regola d’arte conserve di ogni ordine e grado: dalla passata di pomodoro alle vellutate di verdura, dalle conserve di funghi a quelle a base di piselli o legumi in genere. E poi la vogliamo dire una cosa a cui non sempre si pensa?

Avere in casa una pentola per marmellata significa personalizzare al massimo la propria dieta. In poche parole potresti preparare delle confetture di melone, di pera aromatizzata alla cannella o magari di agrumi, tutti prodotti che è davvero difficile reperire in commercio.

Insomma: se volessi ritrovare il gusto degli alimenti assaporati un tempo, ridurre al minimo il consumo dei prodotti industriali o semplicemente provare qualcosa di un po’ più creativo in cucina, la pentola per marmellata è quello che fa per te. Vediamo allora tutto quello che c’è da sapere sul conto di questo particolare tegame.

Migliori pentole per marmellata e confetture: con mescolatore, con intercapedine, elettriche

1
KLARSTEIN Jam Session - Bollitore per Marmellata e Gelatina,...
  • SEMPLICE UTILIZZO: Basta aggiungere semplicemente la frutta selezionata per...
  • PREPARAZIONE VELOCE: in un batter d'occhio, il bollitore per marmellate...
  • DISPLAY LED: il tempo di cottura può naturalmente essere prolungato o...
  • SPAZIO A VOLONTÀ: Dopo la cottura, la pentola del bollitore viene pulita...
  • PRATICO: Non potrebbe essere più semplice: il bollitore Jam Session di...
2
Ardes AR24AM60 Paiolo in Rame per Polenta e Marmellata per 4/7...
  • LENTA ROTAZIONE PER UNA POLENTA PERFETTA: una polenta a regola d’arte si...
  • SEMPLICE DA MONTARE E PULIRE: il mescolatore di polenta è veloce da...
  • RAME DI QUALITA’ PER UNA COTTURA SECONDO TRADIZIONE: il rame è il...
  • PAIOLO CAPIENTE: 26 cm di diametro garantiscono la preparazione di polenta...
  • ZERO FATICA: senza far fatica, grazie al potente motore, è possibile...
3
Beka 16303324 - Pentola per marmellate e confetture in Acciaio...
  • In acciaio INOX Jam/Marmalade, con beccuccio e manico salvaspazio
  • Il beccuccio versatore in combinazione con il manico lo rende facile da...
  • Manico ergonomico facile da impugnare e salvaspazio in acciaio INOX
  • Base incapsulata per una conduzione e distribuzione ottimale del calore
  • Capacità di misurazione interna segni – adatto per tutti i tipi di...
4
Kitchen Craft - Mini pentola da marmellata, 4,5 Litri, per...
  • Ideale per marmellate, mostarde, o anche per conservare zuppe
  • Con misurino interno a sistemi metrico e imperiale
  • Il fondo incapsulato garantisce una distribuzione del calore uniforme
  • Acciaio INOX di qualità, lato esterno lucidato
  • Utilizzabile su fornelli a induzione, ceramica, alogeni, gas
5
Baumalu 207031 - Pentola per marmellata e Conserve, Tutti i Tipi...
  • Realizzato in materiale
  • Ideale per matrimoni, San Valentino, eventi di catering, feste, riunioni di...
  • Prodotto in Francia
6
Ardes AR2480 Paiolo In Rame Per Polenta e Marmellata Porzioni Per...
  • Dimensioni: larghezza 31 cm profondità; 28,5 cm altezza 28,5 cm; Ø orlo...
  • Motore estraibile con esclusivo fissaggio a baionetta
  • Velocità di rotazione della pala = 1,8 rpm (quasi due giri al minuto) che...
  • Capacità pentola 3,5 lt di acqua e 700 g di farina
  • Manuale: Italiano, Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo
7
Mauviel1830 451240 M’Passion Pentola per marmellata, in Rame,...
  • Spessore: 1-2 mm
  • Realizzare i vostri migliori confetture
  • Prodotto di eccezione di carattere e che vi riporterà la vostra infanzia
8
KLARSTEIN KonfiStar - Pastorizzatore, Pentola di Conservazione,...
  • DELIZIE IN BARATTOLO: Il pastorizzatore KonfiStar di Klarstein è la nostra...
  • A LUNGA DURATA: La pentola KonfiStar Klarstein aggiunge varietà al menu -...
  • FUNZIONAMENTO FACILE: impilare i barattoli pieni nella pentola, aggiungere...
  • MULTIFUNZIONE: Grazie all'interno in acciaio inox, al rubinetto di scarico...
  • ACCIAIO INOX: Il rivestimento esterno è realizzato in acciaio inox lucido...
9
Pentole Agnelli FAMA332 Pentola Cilindrica con 2 maniglie,...
  • Pentola cilindrica con altezza da 30 cm e diametro da 32 cm
  • Ottima conducibilità termica
  • Capacità: 24 litri
  • Con due maniglie in acciaio inossidabile
10
BEPER BP.961 Mescolatore Automatico
  • PRATICO: Il Mescolatore automatico Beper grazie all’assenza di fili...
  • FACILE FISSAGGIO: Il mescolatore sia adatta sia in altezza che in larghezza...
  • RICARICABILE: Dotato di batteria al litio per garantirti 2 ore di autonomia...
  • NESSUNA FATICA: Non farai più fatica continuando a mescolare i tuoi piatti...
  • INDISPENSABILE: Ideale per mescolare tantissimi piatti quali salse dolci e...

Com’è fatta una pentola per marmellate e confetture?

La domanda a questo punto sorge spontanea: “Com’è fatta una pentola per marmellata? Perché dovrebbe essere diversa da una pentola qualsiasi?”. Beh, una pentola per marmellata è una stoviglia particolare già nel design. Innanzitutto dobbiamo dire che si tratta di una sorta di 2 in 1. Essa, almeno nei casi migliori, si compone infatti di due tegami concentrici che lavorano l’uno dentro l’altro. Tra le pentole si viene a creare così una sorta di camera d’aria all’interno della quale dovrà trovare posto un po’ d’acqua.

Ciò allo scopo di evitare che la frutta, gli ortaggi o le verdure che deciderai di introdurre nella stoviglia cuociano direttamente sul gas. In poche parole il sistema di cottura tradizionale, quello che per intenderci si compone di fornello, fondo della pentola ed ingrediente si arricchisce di un elemento, ossia dell’acqua. In questo modo, dati i lungi tempi di lavorazione delle conserve, sarai sempre sicuro che gli alimenti non brucino, soprattutto sul fondo.

A questo punto però dobbiamo dirti che le cosiddette pentole a cottura indiretta, le pentole concentriche di cui sopra per intenderci, rallentano ulteriormente i tempi di cottura delle tue conserve. C’era da aspettarselo. Di contro però tale tecnica di lavorazione degli ingredienti permette di mantenere quasi del tutto intatte le proprietà nutrizionali dei vari ingredienti. Il risultato? Alimenti più genuini, più gustosi e meglio digeribili.

Un ultimo particolare: spesso la pentola per marmellata è corredata da un coperchio e da un tubo erogatore. La funzione del primo accessorio è abbastanza ovvia e non ci pare certo il caso di stare qui a spiegarla. La funzione del secondo invece è quella di poter meglio riempire barattoli e bottiglie, dosando opportunamente le quantità da introdurre nel vasetto ed evitando tra l’altro di sporcare in giro. Comodo, no?

Identikit della perfetta pentola per marmellata

Adesso che sai com’è fatta una pentola per marmellata sai anche che le stoviglie che hai già in casa non sono proprio ideali per preparare delle buone conserve. Intendiamoci: puoi provare ad utilizzarle comunque ed ottenere anche dei risultati di discreto livello. Del resto, come vedremo meglio a breve, esistono anche dei tegami da impiegare per la preparazione delle confetture che poco e niente hanno a che vedere con il modello standard  sopra descritto.

Se però vuoi mettere in tavola qualcosa di qualità decisamente superiore dovrai attrezzarti a dovere. Ciò significa lasciar perdere, almeno per stavolta, la sottile arte di arrangiarsi. Comprare una pentola per marmellata però non basta: dovrai essere tanto brava infatti da acquistare un articolo di qualità. Come scegliere tra tante proposte quella che faccia al caso tuo? Beh, ti basterà basarti sui criteri selettivi che troverai qui in calce!

La tipologia

Anche se per sommi capi, ti abbiamo già descritto una pentola per marmellata di tipo standard. Tuttavia sappi che in commercio, come accennavamo poco prima, potrai trovare diverse variazioni sul tema. Abbiamo così le semplici casseruole sprovviste di ogni tipo di camera d’aria ( senza intercapedine ) oppure ancora le pentole corredate da miscelatore.

Nel primo caso ti troverai davanti ad un prodotto che presuppone una lavorazione del tutto artigianale della tua conserva. Dovrai infatti rimestare di continuo il composto, assicurarti che gli ingredienti si amalgamino a dovere e così via. La cosa più seccante in questi casi è che non potrai mai allontanarti dai fornelli. A parte la noia in sé e per sé dovrai così sopportare una certa stanchezza fisica: schiena, gambe e piedi non sono fatti per reggere il peso del corpo tanto a lungo e senza cambiare di un passo la propria posizione!

Pentola per marmellata con mescolatore

Nel secondo caso invece ti basterà montare il mescolatore sulla sommità della pentola perché il processo si automatizzi. A volte questo miscelatore può essere contemplato nel design della stoviglia come un elemento interno. Insomma: in questo caso non dovrai fare nemmeno la fatica di montarlo.

Grazie a tale accessorio, un braccio elettronico nella migliore delle ipotesi gestito da timer, ci sarà chi lavorerà per te. Certo, diciamo che si perde un po’ il piacere di fare da sé, ma non tutti riescono a coniugare le loro esigenze di tempo con la voglia di seguire un processo di preparazione dall’inizio alla fine.

Ci sono poi le pentole standard, quelle descritte poco prima. Si tratta senza dubbio di oggetti che presuppongono ancora una volta una produzione decisamente artigianale. Tuttavia non sarà necessario faticare tanto quanto si farebbe utilizzando una comune casseruola. Molti di questi modelli peraltro sono costruiti per poter supportare l’azione di un miscelatore esterno già incluso nella confezione o acquistabile in separata sede.

Pentola elettrica

Abbiamo infine da tenere in considerazione la pentola elettrica. Questa può essere utilizzata anche in assenza di fornelli e può essere accessoriata da un comodo miscelatore. In aggiunta a tale gadget troverai spesso timer e termostato.

Grazie a questa stoviglia potrai procedere anche alla sterilizzazione dei contenitori oppure alla tindalizzazione dei vuoti. Ciò significa che le tue conserve potranno essere utilizzate nell’arco di un anno (se non di più) e non soltanto entro pochi giorni dalla preparazione.

Cosa ti consigliamo di acquistare? Beh, sicuramente la scelta ricadrà tra le pentole standard  e quelle elettriche. Considera però che optando per quest’ultima variante potrai incappare in spiacevoli incidenti di percorso: pensa insomma cosa potrebbe accadere se improvvisamente saltasse la corrente.

Certo, se ciò non dovesse accadere risparmierai tempo e fatica. Una pentola standard è invece meno soggetta ad imprevisti di lavorazione ma ti costringerà di sicuro a fare qualche sacrificio in più sul piano dell’impegno. Valuta tu a questo punto quali siano i vantaggi che più ti interessa assicurarti.

I materiali

Molto importante nella valutazione della tua futura pentola per marmellata è poi il materiale di realizzo. Le soluzioni, anche in questo caso, sono parecchie. Ti anticipiamo subito comunque che le migliori prevedono l’uso di rame ed acciaio inossidabile. Il primo materiale, non a caso, viene spesso utilizzato anche in contesti professionali. Il segreto del suo successo risiede nella buona conducibilità termica offerta.

In poche parole questo elemento si riscalda in tempi rapidi ed in maniera decisamente uniforme, cosa che ti permetterà di cuocere le tue conserve a fuoco lento, esattamente come tradizione comanda. La cottura a fiamma bassa, in questo caso, consente di tenere sotto controllo le reazioni chimiche dello zucchero. Basterebbe una temperatura appena più decisa perché questo finisse per andare incontro ad un processo di caramellizzazione!

Inoltre il rame agevola la formazione di legami tra le molecole di pectina, un addensante naturale presente in alcuni agrumi ed in alcuni frutti. Il risultato? La consistenza perfetta della marmellata ed un sapore avvolgente. Ma non è ancora tutto. In molti concordano nel dire che il rame sia un materiale antibatterico. Insomma: meglio di così non è proprio possibile!

L’acciaio invece tende a riscaldarsi in tempi più lunghi. Le pentole costruite con questo materiale sono spesso dotate di doppio fondo in modo da evitare, tra le altre cose, che gli alimenti si attacchino al tegame. Qualcuno sceglie tale soluzione nella convinzione che l’acciaio sia tendenzialmente più sicuro rispetto al rame perché quest’ultimo, alla lunga, potrebbe rilasciare negli alimenti delle sostanze dannose alla salute umana.

L’argomento è ad oggi molto controverso e non ci sembra questa la sede ideale per cercare il bandolo della matassa. Ciò che in genere si dice è che si dovrebbe evitare di utilizzare questo metallo nella preparazione di cibi acidi, quali ad esempio la marmellata.

Di contro però i migliori chef assicurano che le prestazioni garantite dal rame non hanno eguali. Per saperne di più e scegliere se utilizzare o meno delle pentole ottonate ti consigliamo di documentarti in rete. Attenzione però: cerca sempre di formare le tue idee leggendo svariati siti, possibilmente attendibili.

Chiusa parentesi, occupiamoci dell’alluminio. Esso necessita di un fuoco ad intensità moderata ed in questo caso, dato che marmellate e conserve vanno preparate con una certa calma, non viene trattato per risultare antiaderente. Ciò significa che il rischio che la marmellata si attacchi al fondo c’è ed è anche alto.

Per evitare che questo accada perciò non dovrai allontanarti un attimo dai fornelli e non dovrai smettere mai di mescolare. In più, anche operando coscienziosamente, ci saranno probabilmente dei punti della pentola in cui la preparazione verrà smossa un po’ meno ed in cui la marmellata finirà per seccarsi. A te la scelta.

La forma

La perfetta pentola per marmellata ha forma svasata. Ciò perché un simile design rende più facile il processo di evaporazione dell’acqua. Quando il prezioso liquido passa a forma gassosa, la naturale dolcezza della frutta viene meglio percepita dal palato. In poche parole nella tua preparazione potrai aggiungere un quantitativo minore di zuccheri senza però rinunciare al gusto, anzi, quasi esaltandolo!

Sappi inoltre che più il diametro della pentola sarà ampio e più velocemente l’acqua contenuta nei vegetali finirà per evaporare. In questo modo, oltre che far contento il dietologo perché userai meno zuccheri per la preparazione della confettura, potrai accelerare i tempi di cottura. Scusate se è poco!

La capienza

Un altro elemento che dovrai tenere in considerazione è la capienza della pentola per marmellata. In commercio esistono prodotti pensati per soddisfare le esigenze di una famiglia più o meno numerosa, ma anche tegami da B&B che permettono di preparare in un’unica soluzione centinaia di chili (o di litri) di conserve.

Non esiste in questo senso una decisione più valida di altre: dovrai scegliere perciò tenendo conto delle tue abitudini alimentari, delle tue esigenze e del numero di persone che beneficerà dei tuoi deliziosi manicaretti.

Il display

Le pentole per marmellata di più moderna concezione sono spesso dotate di un display. Su questo piccolo monitor potrai leggere informazioni inerenti lo stato di cottura della pietanza, la temperatura interna della pentola e via di seguito. Potrai, grazie ad appositi pulsanti, regolare anche determinati valori o impostare la macchina perché agisca in un modo anziché in un altro.

Attenzione però: nel caso in cui la tua futura pentola per marmellata appartenesse alla categoria dei prodotti dotati di monitor scegli sempre un display led che sia chiaro da leggere anche ad una certa distanza. Sì quindi ai caratteri grandi, al fondo retroilluminato ed ai contrasti cromatici tra scrittura e pannello.

La facilità d’uso

Il concetto di facilità d’uso si lega soprattutto alla pentola per marmellata di tipo elettrico o corredata da miscelatore. Tuttavia, anche se in maniera un po’ più marginale, riguarda pure le altre tipologie di prodotto. Prima di acquistare il tuo tegame perciò accertati della possibilità di montare e smontare facilmente alcune sue parti (p.es. il mescolatore).

In questo modo ti sarà più semplice lavare via i residui di lavorazione o scegliere se usare o meno gli accessori inclusi nel package. Il lavaggio poi, almeno in certi casi, potrà avvenire anche in lavastoviglie. Rende più facile l’uso della pentola per marmellata inoltre il dosatore di cui abbiamo già parlato qualche paragrafo più in là.

Alcune stoviglie, proprio per rendere meno impegnativa la preparazione di intingoli e manicaretti sono internamente dotate di misuratore. In poche parole dentro il tegame troverai delle tacche corrispondenti ad un certo volume di liquidi o ad un certo peso degli ingredienti. Comodo, no?

Ed a proposito di comodità: pensa che le nuove frontiere della tecnologia hanno permesso di immettere sul mercato dei prodotti che segnalino acusticamente o visivamente la necessità di aggiungere un ingrediente, di spegnere il congegno o di chiudere il gas. Non dimenticare infine di scegliere un articolo che sia corredato da termostato: in questo modo eviterai di cuocere lo zucchero a temperature eccessive.

Prezzi

L’acquisto di una pentola per marmellata non è mai un affare eccessivamente impegnativo, almeno dal punto di vista economico. Se ti accontenti di un prodotto basic, davvero molto basic però,  per comprare un pentolino da marmellata potrai spendere anche meno di una decina di euro.

Certo, quello che porterai a casa non sarà niente di più che un tegame senza camera d’aria, senza accessori di sorta e comunque di piccole dimensioni. Per un prodotto professionale dotato di tutti gli optionals possibili ed immaginabili e dalle dimensioni medio – grandi invece non dovresti spendere più di qualche centinaio di euro o giù di lì.

Esiste poi una buona fascia media a cui far riferimento, soprattutto se si decide di acquistare la pentola per marmellata per uso strettamente personale e non si ha bisogno quindi di chissà quale capienza. Il nostro consiglio? Non fare mai del costo del prodotto il tuo principale criterio selettivo, soprattutto in considerazione del fatto che anche l’acquisto di un eventuale top di gamma di certo non ti manderà sul lastrico.

Clicca per votare questo articolo!
[ Totale voti: 1 Media: 5]