vendita tappetino refrigerante cani

Tappetino refrigerante cani: impariamo a scegliere il migliore

Tappetino refrigerante cani: se il vostro amico a quattro zampe sapesse parlare vi direbbe di comprarne subito uno. I nostri pelosetti infatti soffrono spesso le temperature troppo elevate. Avete presente quando restano per lungo tempo con la lingua fuori dalla bocca ed iniziano a respirare affannosamente?

E quando si sdraiano sul pavimento, possibilmente nell’angolo più fresco della casa, e perdono tutta la loro innata vitalità? Vi stanno dicendo che sono al limite massimo di sopportazione. Del resto, povere bestie, i cani sono del tutto sprovvisti di ghiandole sudoripare. Il loro corpo insomma non può provvedere da sé a rinfrescarsi tramite le goccioline di sudore che invece compaiono sulla pelle di noi umani.

Come vedete il cane è un animale che ha bisogno delle cure particolari e che, pur di stare al fianco del suo padrone, è disposto anche a soffrire un po’. Non volete ricompensarlo per la sua fedeltà? Non volete che sia vispo ed allegro anche in estate? Ecco allora qualche suggerimento per l’acquisto di un buon tappetino refrigerante.

Tappetino refrigerante cani: è utile acquistarlo?

Sì, si tratta proprio di un acquisto fondamentale. Perché? Beh, sicuramente perché eviteremo così a Fido di patire gli effetti nefasti del caldo, gli stessi che ci spingono appena possibile a tuffarci in mare ed a trascorrere in ammollo quanto più tempo è possibile. Ma comprare un tappetino refrigerante per cani può essere importante anche per altri motivi.

Sapevate, ad esempio, che un animale costretto a patire il caldo può alla lunga sviluppare delle patologie più o meno gravi? Spesso queste malattie riguardano l’apparato respiratorio e possono risultare debilitanti per la bestiola e faticose da gestire per l’umano di turno.

Altre volte ci si limita al semplice colpo di calore il quale però ha comunque delle conseguenze sulla salute del vostro pelosetto. Non è raro tra l’altro che, a seguito delle alte temperature, l’animale viva in uno stato di prolungata prostrazione, in costante balia dello stress fisico e psichico. Fidatevi: di questa condizione risentirete anche voi.

Certo, un semplice tappetino non può fare delle magie. Soprattutto se siete costretti a lasciare Fido da solo in casa tutti i giorni e per lunghi periodi di tempo, prendete l’abitudine di mettere a disposizione del vostro amico anche una ciotolona di acqua fresca.

Se potete inoltre, magari sfruttando la parte più fresca della casa, organizzategli un angolo relax con tutte le sue cose. Infine, perché no, se ne avete la possibilità lasciategli il climatizzatore acceso: ne trarrete vantaggio anche voi una volta che vi sarete ritirati a casa!

Tappetino refrigerante cani: le tipologie

Quando per la prima volta su internet o in un negozio dedicato avete letto le parole “tappetino refrigerante cani” siete rimasti un po’ perplessi, ammettetelo. Come può un semplice tappeto far provare sollievo dall’afa estiva? Beh, state pur certi che è possibile e che si tratta un po’ dell’uovo di Colombo. Ad essere più precisi, la tecnologia moderna ha trovato diverse uova di Colombo: eccole nel dettaglio.

Nel primo caso, all’interno del materasso, è contenuto un certo quantitativo di cristalli attivi. Questi, se opportunamente trattati, sono in grado di refrigerare il corpo dell’animale grazie al semplice contatto. Certo, prima o poi il tappeto refrigerante si riscalderà.

La fisica a tal proposito è molto chiara: i corpi, se posti a contatto, finiscono per attuare uno scambio termico. Il vostro cagnolone insomma innalzerà involontariamente la temperatura del liquido refrigerante. Poco male. Vi basterà immergere il materassino nell’acqua gelida per appena qualche tempo (non oltre i 40 minuti) e quindi dare nuovamente vita alla magia.

Attenzione però: questi prodotti, inevitabilmente, aumentano di peso dopo il trattamento: potrebbero diventare insomma umidicci e poco gestibili. Inoltre, nel malaugurato caso in cui la bestiola decidesse di marcare il territorio, assorbirebbero l’odore. Sappiate sin da subito che in quell’eventualità difficilmente riuscireste a riportare l’oggetto a condizioni accettabili…

Ma passiamo ad una seconda variabile. Essa si distingue dalle altre soluzioni per l’impiego di un intelligente gel refrigerante che praticamente non richiede alcun tipo di trattamento. I tappetini così concepiti restano attivi e pronti per l’uso a vita natural durante. Non appena un qualsiasi peso comprime il materassino, la frescura sale in superficie dando sollievo a chi ha la fortuna di crogiolarcisi su.

Sì, avete capito bene: non dovrete mettere in ammollo il materasso e non dovrete trattarlo in alcun modo perché sia efficace. Ecco, questa sì che è una magia! In ciascuno dei due casi sinora presentati il tappetino rinfrescherà l’animale in maniera immediata, ma comunque graduale. La bestiola così non rischierà di raffreddarsi.

In alcuni casi invece vi verrà richiesto di riporre l’oggetto in frigo o addirittura in freezer per un periodo di tempo più o meno limitato. All’interno di questi materassini potrebbe esserci sia del gel (di altra natura rispetto al portentoso ritrovato sopra descritto) che dell’acqua.

Quest’ultima opzione richiede da parte vostra un po’ di buona volontà: dovrete infatti sostituire spesso il liquido di cui sopra. Sia nell’uno che nell’altro caso comunque riporrete l’oggetto in frigo soltanto dopo esservi premurati di lavarlo a fondo. Non sarebbe male nemmeno isolarlo all’interno di un sacchetto da congelamento.

Il materassino da congelatore comunque è una soluzione un po’ particolare, di quelle che non tutti vorrebbero adottare. Inoltre, almeno in determinati contesti, tale opzione risulta poco pratica: insomma siete proprio sicuri che una volta in vacanza potrete avere a disposizione un frigo o un freezer privato? E che dire del proprietario dell’elettrodomestico, siete sicuri che darà il suo consenso?

In ultimo vi tornerà utile sapere che sul mercato sono stati recentemente lanciati dei modelli elettrici di tappetino refrigerante. Si tratta senza dubbio di una soluzione molto pratica ed immediata. Tuttavia ricordatevi sempre che il cavo e l’elettricità in genere possono causare degli incidenti domestici o, se messi a disposizione di Fido, nuocere alla bestiola.

Tappetino refrigerante cani: guida all’acquisto

Gli amici a quattro zampe non parlano, ma sanno farsi capire molto bene. Diciamo subito che potrete intuire con una certa facilità il grado di soddisfazione di Fido davanti al suo nuovo tappetino.

Se non ha gradito, molto probabilmente, il materassino che avete comprato non è esattamente di buona qualità, o forse non è adatto a lui. Bene, per evitare di perdere tempo e denaro e per evitare anche inutili sofferenze alla bestiola, date un’occhiata ai criteri di selezione che vi proponiamo nei prossimi paragrafi: siamo sicuri che vi torneranno utili!

La tipologia

Vi abbiamo già dato molte informazioni circa le diverse tipologie di prodotto che potrete trovare in commercio. Non ci sembra il caso perciò di approfondire ulteriormente la questione. Vogliamo comunque ricordarvi in sede d’acquisto di badare anche a questo aspetto del problema tenendo presente che, normalmente, le versioni gel sono le più diffuse in quanto più durevoli, meno fastidiose da tenere in perenne stato di efficienza e comunque capaci di regalare alla bestiola sino a 5 giorni ininterrotti di refrigerio. Inoltre, come abbiamo visto, queste varianti del prodotto meglio si prestano anche alle lunghe percorrenze o alle trasferte per le vacanze.

La dimensione

Appena sotto la dicitura “tappetino refrigerante cani” dovreste scorgere sulla confezione la taglia del prodotto. Sì, la taglia. Essa potrà essere espressa in lettere (M, L, XL, ecc.) o in valori numerici. I materassini che troverete in commercio possono avere dimensioni molto diverse, chiaramente proporzionate a quelle delle varie bestiole che si possono accogliere in casa.

Non avrebbe senso del resto comprare per un chiwawa lo stesso tappetino che acquistereste per un alano e non avrebbe senso nemmeno comprare per un San Bernardo qualcosa che a stento potrebbe utilizzare un barboncino.

Fate sempre in modo di scegliere un tappetino che si adatti alle dimensioni del vostro cane e che, nel dubbio, sia appena un po’ più largo rispetto a quanto richiederebbe la sua stazza. Sappiate infatti che in estate, o comunque quando sentono caldo, gli animali non tendono più a raggomitolarsi ma ad occupare con il loro corpo la massima superficie possibile.

I materiali

Non c’è una vera e propria regola per quanto riguarda la scelta del materiale di cui deve essere fatto un materassino refrigerante. L’importante, per ovvi motivi, è che tali materiali possano sempre garantire la giusta traspirabilità, impermeabilità e, ovviamente, resistenza nonché facilità di lavaggio.

Uno dei materiali più gettonati e più sicuri è il nylon impermeabile che, tra l’altro, non presenta particolari problemi al momento della pulizia. Le imbottiture invece sono spesso realizzate in gommapiuma memory.

Attenzione anche al materiale refrigerante: chiaramente questo deve sempre essere atossico dato che i nostri amici a quattro zampe in certi momenti sono un po’ turbolenti. Tuttavia, anche nel caso in cui compraste dei prodotti atossici, state comunque sempre sul chi va là.

Chiaro è infatti che la bestiola non deve comunque ingerire il gel posto all’interno del prodotto. Del resto non sapete mai quanto siano effettivamente attendibili le informazioni datevi dal rivenditore o messe in bella mostra sulla confezione.

Se Fido dovesse accidentalmente bere o ingerire questo materiale portatelo subito dal veterinario. Inoltre evitate proprio di comprare il materasso se ultimamente il vostro cane ha dato qualche segno di “follia” o di rabbia repressa, se tende a mordicchiare tutto quello che gli capita a tiro o se è distruttivo per natura.

La facilità di trasporto

Se avete l’abitudine di portare Fido con voi nella casa a mare di famiglia o di affidarlo alle cure di altre persone quando mancate per un periodo di tempo discretamente lungo, cercate di acquistare un tappetino che sia semplice trasportare qui e là.

Questo significa che l’oggetto dovrà, all’occorrenza, essere arrotolato con facilità ed avere un ingombro non eccessivo. Perché tante cure e tante attenzioni? La vostra bestiola patisce già abbastanza il distacco dal suo umano preferito o il disagio di viaggiare in macchina per accompagnarvi nella location che avete scelto per le vacanze: ricompensatela!

Il design

I tappetini refrigeranti sono tutti molto simili tra loro. Un parametro distintivo però può essere rappresentato dalla texture scelta per confezionare l’oggetto. No, non si tratta di un particolare di poco conto: alcuni decori infatti, sfregando di continuo sul corpo di Fido, finiscono per nuocere alla sua salute.

Il vostro cagnolone potrebbe dover affrontare infatti i fastidi derivanti da una brutta irritazione. Tra l’altro, se associasse questa sensazione al tappetino, molto probabilmente si rifiuterebbe di usarlo una seconda volta. Il risultato? Soldi buttati, bestiola (giustamente) nervosa ed umano in preda ai sensi di colpa…

Il prezzo

Ma quanto costa un materasso refrigerante per cani? Beh, molto dipende dalla qualità del prodotto, è ovvio. Alcune oscillazioni di prezzo possono derivare anche dalle dimensioni del tappetino. Del resto la mole di materiale e di lavoro richiesta per confezionare un XXL non è paragonabile a quella necessaria per produrre una taglia S. Marca e modello, nemmeno a dirlo, possono a loro volta incidere ulteriormente sul prezzo finale il quale, lo avrete già notato comprando degli altri prodotti, varia acquistando lo stesso articolo in un negozio dedicato oppure online.

In ogni caso, in maniera molto generica, possiamo dirvi che i prodotti basic hanno di solito un costo inferiore alla quindicina di euro. Un articolo di qualità decisamente migliore potrebbe anche sfiorare il centinaio di euro. Per fortuna esiste anche una fascia media di prodotti tra cui poter scegliere. In questo caso spenderete tra le 30 e le 50 euro. Il consiglio che vi diamo è quello di non andare mai troppo al ribasso.

Tappetino refrigerante cani: l’aspettativa di vita

Per quanto tempo il tappetino refrigerante resterà funzionante? Beh, a meno che la vostra bestiola non venga colta da un raptus di follia ed inizi a morderlo e stracciarlo, dovrebbe essere pressoché indistruttibile. Certo, ovviamente ciò è vero soprattutto nel caso dei prodotti di fascia alta, gli altri… beh, abituatevi a cambiarli spesso.

Consigli pratici

Il vostro animale ha bisogno di correre, giocare e scorrazzare libero per casa in tutti i giorni dell’anno. Create sempre le occasioni perché possa farlo, anche se fuori ci sono 40°C all’ombra. Se la bestiola sa che quando il caldo diventerà insopportabile avrà a sua disposizione acqua fresca e tappetino refrigerante, non perderà la sua innata vitalità.

Altro suggerimento: imparate a riconoscere il colpo di calore. Contrariamente a quanto si crede, questo rischio non si corre soltanto in estate. I cani vanno in ipotermia infatti anche se vivono degli stati d’ansia. Vi accorgerete subito dell’insorgere di un colpo di calore: il vostro animale inizierà ad ansimare, a diventare meno reattivo ed a tenere la lingua penzolante sul muso.

Quest’ultima assumerà anche una colorazione diversa rispetto al solito dato che sarà molto più rossa del normale. E le gengive? Beh, quelle diventeranno blu, porpora o bianche. La saliva infine sembrerà parecchio appiccicosa.

Sebbene possano essere segnali riconducibili anche a tutt’altro tipo di problema, entrate in allarme pure nel caso in cui l’animale dovesse iniziare ad urinare con difficoltà o in quantità ridotte. Preoccupatevi inoltre anche se Fido inizia a vomitare. Se dovessero verificarsi tutte queste condizioni, portate subito l’animale dal veterinario, ma abbiate cura di inserire nel suo trasportino il materassino refrigerante.

Ancora un paio di suggerimenti

Sappiate infine che il tappetino qui in esame può dare refrigerio, è proprio il caso di dirlo, anche ad animali che soffrano da tempo di dolori articolari magari per via della loro stazza o, come spesso accade, dell’avanzare del tempo. Vi suggeriamo di comprare sempre due tappetini per ogni bestiola che avete in casa.

In questo modo vi sarà più facile convincere Fido&Co. della necessità di abbandonare momentaneamente il suo materassino, magari per pulirlo o trattarlo. Ah, un ultimo particolare: il tappetino è destinato non soltanto ai cagnolini, ma anche ai gatti. Chissà che grazie a questo marchingegno non riusciate a tenere Felix lontano dai guai per qualche ora!

Come insegnare al cane ad usare il tappetino refrigerante cani

Normalmente i cani non hanno bisogno che qualcuno gli insegni ad utilizzare il tappeto refrigerante. Si tratta di bestie molto intelligenti e non tardano a scoprire che sdraiandosi su quel piccolo gingillo che gli ha regalato il loro umano di fiducia possono sentirsi subito al loro agio.

Tuttavia alcuni animali sembrano non apprezzare il loro materassino (che sia colpa della texture?). In questi casi, per proteggere Fido da tutti gli effetti negativi che su di lui può avere il calore, provate ad invogliarlo ad utilizzare il materassino.

Come? Per prima cosa sedetevi a terra, proprio vicino al tappeto. Non appena il suo musetto vi si avvicinerà e non appena il cane si siederà sul materassino, dategli un po’ di quello snack che tanto ama, fategli le coccole e parlategli dolcemente.

Con il gatto invece le cose diventano un po’ più complicate: difficilmente potrai convincerlo a fare quello che vuoi tu, te ne sarai già accorto in altre circostanze. Agisci allora d’astuzia e, almeno per qualche giorno, spruzza dello spray all’erba gatta proprio sopra il tappeto.

Lascia un commento